Attualità LabRoma

Roma non è “na’ carta sporca”: 11sima fra le top 100 al mondo

È noto che parlare male è sempre più facile. Soprattutto quando si tratta della propria città. Rivoltare il coltello nella piaga dei problemi genera sempre più appeal, like e consenso, mentre tentare di rimarcare ed esaltare le bellezze e i punti di forza di un posto risulta spesso impopolare. 

Ma in un contesto attuale come quello che stiamo vivendo, dove essere impopolari porta ad essere al centro delle attenzioni e delle cronache, LabParlamento vuole parlare anche bene di Roma e riportare in auge la classifica stilata non troppe settimane fa dalla società di consulenza Resonance Consultancy, che nella World’s Best Cities of 2021, la classifica delle 100 città migliori del mondo con più di un milione di abitanti, inserisce proprio Roma. 

Un importante e prestigioso undicesimo posto per la città eterna, che sfiora davvero di un soffio la prestigiosa top ten, guidata per il quinto anno consecutivo da Londra, definita (e da romani, ce ne dispiace) “la Capitale delle Capitali”.

A far compagnia a Roma in questa prestigiosa classifica, la “Milano lavoratrice”, in posizione 29, e la Capitale del Sud Italia Napoli, troppo spesso bistrattata, derisa, relegata a stucchevoli pregiudizi, ma anch’essa ricca di fascino, storia, culture e tradizioni simbolo di un made in Italy sparso nel mondo. Per i partenopei, 56esimo posto.

Sappiamo benissimo che si tratta solamente di una classifica, il cui andamento sostanzialmente viene letto più per fini campanilistici che per reale attendibilità. Senza nulla togliere al prestigioso ente che l’ha stilata, ovviamente.

Ma è un dato che senza dubbio fa riflettere su quante potenzialità abbia Roma, una città che viene definita come una città moderna, sicura e amata ovunque e premiata per il patrimonio storico impareggiabile.

Una città che di notte si trasforma, tra luci, rumori che solo i vicoli più profondi di una Città Eterna come questa può regalare, una città che, come Pino Daniele cantava della sua Napoli, non è solamente “na’ carta sporca”, ma è storia, meraviglia, padrona di un patrimonio unico al mondo, unica Città al mondo ad ospitare all’interno delle sue mura una Città Stato, unica città dove ognuno, almeno una volta nella vita, vuole trascorrerci una notte.

In questi giorni vi abbiamo iniziato a riparlare di Roma, prossima oramai al rinnovo della Giunta comunale, con i suoi problemi, dai più comuni alle grandi emergenze, ma Roma non è solo quello.

Sia ben chiaro, non intendiamo fare pubblicità a Roma, non ha certamente bisogno del nostro aiuto. Già a pronunciarne il nome sale il brivido: “Roma”

Ma soprattutto oggi, in una società distrutta, messa in ginocchio da un punto di vista economico, sociale, sanitario, occupazionale, è bello, doveroso, ancora di più, ricordarci della fortuna di vivere e di avere come Capitale una città come la nostra. 

Di quanto dobbiamo andarne orgogliosi e di quanto, ognuno di noi, nel proprio piccolo, dobbiamo fare la nostra parte per far sì, almeno ai fini statistici, questa classifica possa essere scalata ancora di più verso l’alto.