Governo Politica

Il “pompiere” Draghi alla prova del coprifuoco

Oggi, lunedì 26 aprile, l’Italia guidata dal Governo Draghi torna quasi totalmente in zona gialla, con la riapertura dunque, questa volta anche a cena, di ristoranti e bar, seppur con determinati condizioni e situazioni strutturali. C’è però un nodo da sciogliere, che sta fortemente dividendo la politica nazionale ed in particolar modo il Governo: il coprifuoco. Per Decreto è imposto alle ore 22, ad oggi fino alla fine di luglio, ma sono tanti tra Sindaci, Governatori ed esponenti politici che stanno dando battaglia per posticiparlo o addirittura eliminarlo.

Il primo a scagliarsi, con forza e decisione, è il leader della Lega, ex Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che attraverso i suoi profili social, sempre attivi, ha già lanciato sul sito del partito la petizione per chiederne l’abolizione. Sono oltre 60mila le firme già raccolte. “#nocoprifuoco è un’iniziativa nata dal basso”, scrive Salvini sui social. “Mi hanno detto: Matteo, sei al governo, fai qualcosa. E noi cerchiamo di condizionare le scelte dell’esecutivo, sapendo che al governo non siamo da soli e che siamo entrati, in una situazione di emergenza, proprio per evitare di lasciare il Paese in mano a sinistra, chiusuristi e pauristi” – prosegue il Senatore leghista.

Sicuramente un tema difficile, che trova ovviamente terreno fertile nel mondo dei ristoratori e dei baristi, che con un coprifuoco, soprattutto nel periodo estivo, fissato alle ore 22 si troverebbero in gravi difficoltà, o addirittura impossibilitati ad aprire per la cena. In pratica, i loro clienti dovrebbero o iniziare a cenare alle ore 19, oppure mangiare di corsa fino a strozzarsi per fare rientro in casa per le ore 22.

Sull’argomento, nella giornata di ieri, è giunta anche la dichiarazione del Ministro della Salute, Roberto Speranza che, in diretta TV dagli studi di Mara Venier, ha dichiarato che la scelta del coprifuoco alle ore 22 è una scelta di prudenza e che, in base ai dati, non è da escludersi settimana per settimana, una modifica sostanziale agli orari. Intanto oggi si riparte, quasi alla normalità, ma non proprio. Staremo a vedere sicuramente nei prossimi giorni come si evolverà la situazione.