Governo

Cultura, un miliardo per la tutela del patrimonio

Al via il Piano “Turismo e Cultura”, stanziate risorse per 33 interventi di restauro

Il Comitato interministeriale per la Programmazione economica (Cipe) ha stanziato, in seguito alla riunione di domenica 1° maggio, un miliardo di euro in favore del Ministero dei Beni Culturali per il finanziamento del Piano strategico “Turismo e cultura”.

Le risorse sbloccate dal Cipe rientrano nell’ambito del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2014-2020 (strumento finanziario diretto ad agevolare politiche di rimozione degli squilibri economico-sociali tra le diverse aree del Paese), e saranno impiegate per azioni di rafforzamento dell’offerta culturale italiana e di potenziamento della fruizione turistica del nostro patrimonio. Concretamente, i fondi del Piano “Turismo e cultura” renderanno possibili 33 interventi di restauro e completamento di siti museali o di interesse paesaggistico, tra i quali figurano il centro storico dell’Aquila, la Reggia di Caserta, l’area archeologica di Pompei, l’antico tracciato della via Appia e il percorso della via Francigena. L’elenco di tutte le opere previste è stato dettagliato con delle slide elaborate ad hoc dal MIBACT.

Il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini non ha nascosto la propria soddisfazione per il varo della misura, definendo il Piano “il più grande intervento sul patrimonio culturale della storia repubblicana”, destinato ad avere “un forte impatto sull’economia, riattivando risorse di eccellenza e portando lavoro ai tanti specialisti e tecnici dei beni culturali che costituiscono parte importante del tessuto economico del territorio”.

di Andrea Spuntarelli