Diventa Legge il testo sul caporalato
ottobre 19, 2016
Donne in politica e social media: un’occasione per superare il gender gap
ottobre 21, 2016
Mostra tutto

Tutela di anziani e minori, primo via libera della Camera al Testo Unico

di Andrea Spuntarelli

279 sì, 22 no e 69 astenuti: va al Senato il provvedimento sugli abusi in scuole e strutture assistenziali

L’Assemblea di Montecitorio, nella serata di mercoledì 19 ottobre, ha dato il via libera in prima lettura al Testo Unificato dei DdL in ambito di prevenzione e contrasto di abusi ai danni di minori, anziani e disabili.

Il provvedimento votato dalla Camera si compone di 7 articoli, e si pone l’obiettivo di combattere ex ante ed ex post ogni forma di maltrattamento (sia fisica che psicologica) subita dai bambini nelle scuole dell’infanzia e dalle persone ospitate in strutture socio-assistenziali per anziani e disabili. I punti fondamentali del Testo Unico sono identificabili nella delega attribuita al Governo affinché (entro un anno dall’ entrata in vigore della Legge) adotti un Decreto Legislativo che definisca le modalità per la valutazione attitudinale nell’accesso alle professioni educative e di cura, nella possibilità di installare in asili nido e centri ricettivi sistemi di videosorveglianza accessibili solo in caso di condotte di abuso (al Garante per la privacy spetterà, entro 60 giorni dalla vigenza delle norme, stabilire i requisiti cui dovranno adeguarsi questi sistemi) e nella futura emanazione, da parte del Ministero della Salute, di Linee guida sui tempi di accesso degli ospiti nelle strutture socio-sanitarie. Inoltre, il Disegno di Legge prevede che, entro il 31 marzo di ogni anno, il Governo trasmetta al Parlamento una relazione sullo stato di attuazione della normativa.

Il testo approvato (con 279 sì, 22 no e 69 astenuti) da Montecitorio proseguirà il proprio cammino al Senato, dove pare doveroso che l’esame del provvedimento sia considerato prioritario da tutti i Gruppi politici. Difatti, è anche e soprattutto dalla tutela che viene riservata ai più deboli che si valuta il grado di civiltà di uno Stato.

Andrea Spuntarelli

Andrea Spuntarelli

Andrea Spuntarelli, è nato a Roma nel 1988. Giornalista, laureato in Scienze Politiche e della Comunicazione (Triennale) e in Scienze di Governo e della Comunicazione Pubblica (Magistrale) presso la Luiss Guido Carli di Roma, dal 2014 lavora in Adl Consulting, dove attualmente ricopre il ruolo di Senior Policy Analyst. Scrive per LabParlamento fin dalla registrazione del sito come testata giornalistica. Dopo essere stato Assistente del Direttore responsabile, è ora Project manager del nostro giornale.
Andrea Spuntarelli

Latest posts by Andrea Spuntarelli (see all)