“Connettere l’Italia”, la ricetta Delrio per una nuova mobilità
giugno 15, 2017
Ocse: sul lavoro l’Italia cresce, ma non abbastanza
giugno 16, 2017
Mostra tutto

Manovrina: il Governo supera anche lo scoglio Senato

Ok definitivo al DL, Mdp non partecipa al voto di fiducia. Ma la vera partita di bilancio resta quella di ottobre…

di Andrea Spuntarelli

Con 144 sì, 104 no e un astenuto il Senato ha confermato la fiducia al Governo sulla conversione del Decreto Legge “Manovrina”, che per effetto del voto di Palazzo Madama diventa Legge dello Stato. A favore del provvedimento hanno votato tutte le forze di maggioranza, eccezion fatta per Mdp che ha scelto di uscire dall’Aula per protestare contro la reintroduzione dei voucher, senza tuttavia mettere a rischio la tenuta dell’Esecutivo.

È dunque arrivato in porto senza imprevisti il testo con cui l’Italia attua la correzione dei conti pubblici da 3,4 miliardi di euro per il 2017 richiesta, fin dal gennaio scorso, dall’Unione europea. Il primo varo della Manovrina era giunto insieme al Documento di economia e finanza (Def) nel Consiglio dei Ministri dell’11 aprile, anche se per la pubblicazione del DL in Gazzetta Ufficiale si erano poi dovute attendere circa due settimane. Durante la sua prima lettura alla Camera (terminata a inizio giugno), al DL sono state apportate numerose modifiche, confermate dalla breve discussione a Palazzo Madama. Tra le novità principali, oltre ai nuovi buoni lavoro, vanno ricordate il prestito ponte in favore di Alitalia, la previsione di una web tax transitoria e lo stanziamento di 1,3 miliardi di euro per l’assunzione di 15 mila docenti precari.

L’aver superato indenne lo scoglio Manovrina, in un momento di grande incertezza politica, rappresenta senza dubbio un successo per il Governo Gentiloni e la sua maggioranza. Al tempo stesso, come da noi più volte rimarcato di recente, i veri giochi in campo economico si faranno a ottobre, con la presentazione della Legge di Bilancio 2018. Sarà in quel frangente, infatti, che si deciderà la partita con Bruxelles su temi come le aliquote Iva e la tassazione degli immobili. A oggi non è possibile prevedere se le elezioni Politiche si svolgeranno o meno nel prossimo autunno, ma è evidente che le scelte di quelle settimane saranno fortemente influenzate da logiche di consenso pre o post campagna elettorale.

Andrea Spuntarelli

Andrea Spuntarelli

Andrea Spuntarelli, è nato a Roma nel 1988. Giornalista, laureato in Scienze Politiche e della Comunicazione (Triennale) e in Scienze di Governo e della Comunicazione Pubblica (Magistrale) presso la Luiss Guido Carli di Roma, dal 2014 lavora in Adl Consulting, dove attualmente ricopre il ruolo di Senior Policy Analyst. Scrive per LabParlamento fin dalla registrazione del sito come testata giornalistica. Dopo essere stato Assistente del Direttore responsabile, è ora Project manager del nostro giornale.
Andrea Spuntarelli