Il Venerdì
27-31 marzo
marzo 31, 2017
“Pacchetto Economia”: per il Governo arriva il conto alla rovescia
aprile 3, 2017
Mostra tutto

La legge contro il caporalato alla prova dei fatti

Con la stagione della raccolta alle porte si testerà lefficacia delle nuove norme

di Fabio Gnoffo

Il 3 novembre scorsocon la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è diventata operativa la legge relativa al contrasto al caporalato e al lavoro nero in agricoltura approvata in via definitiva dal Parlamento il 18 ottobre.

Si tratta sicuramente di un passo in avanti molto importante per il mercato del lavoro e per i diritti dei lavoratori che secondo lultimo Rapporto Agromafie e Caporalato della Flai Cgil coinvolge tra le 400 e le 430 mila persone e che genera un economia sommersa stimata tra i 2 e i 5 miliardi di euro.

La norma va a modificare significativamente il quadro normativo penale, sostituendo larticolo 603 bis con un nuovo articolo che riscrive la condotta illecita del caporale.

Per chi recluta manodopera allo scopo di destinarla al lavoro presso terzi in condizioni di sfruttamento, approfittando dello stato di bisogno, e per il datore di lavoro che utilizza, assume o impiega manodopera reclutata anche con lutilizzo di caporalato, sfruttando i lavoratori e approfittando del loro stato di bisognoè prevista la pena della reclusione da uno a sei anni e la multa da 500 a 1.000 euro per ciascun lavoratore assunto.

Con larticolo 603-bis.2 del codice penale è stato introdotto il delitto di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro tra i reati per i quali è sempre disposta la confisca delle cose che servirono o furono destinate a commettere il reato.

E’ previsto inoltre che i proventi delle confische vengano assegnati al fondo anti-tratta, la cui operatività è estesa anche all’indennizzo delle vittime del reato di caporalato.

Infine viene rafforzata lefficacia delle Rete del lavoro agricolo di qualità”finalizzata a rafforzare le iniziative di contrasto dei fenomeni di irregolaritàcome ad esempio con la stipula di apposite convenzioni che hanno lo scopo di favorire il regolare trasporto dei lavoratori agricoli.

Tutte le novità sopra citate affronteranno il banco di prova della stagione della raccolta” ormai alle porte che ne misurerà la reale efficacia.

Alcuni gravi episodi come lincendio avvenuto nella notte tra il 2 e il 3 marzo neghetto, sorto tra San Severo e Rignano Garganico, una baraccopoli in cui vivevano i braccianti immigrati che lavorano nelle campagne pugliesi, e nel quale  sono morte due persone, Mamadou Konate e Nouhou Doumbia, di 33 e 36 anni, ci dimostrano come la piaga del caporalato sia ancora molto diffusa.

Tra gli elementi di fondo che stanno suscitando alcuni malumori – previsti per oggi, 3 aprile, in piazza a Bari oltre 3 mila aziende agricole pugliesi – è lintroduzione della corresponsabilità tra caporali e aziendeuna notizia positiva, se non fosse per il fatto che alcuni imprenditori sottolineano che la misura repressiva rischia di coinvolgere gestori che sono alloscuro del fenomeno.

Infine un importante nodo è quello relativo alla Rete del lavoro agricolo di qualità”, con riferimento alle sue modalità di adesione e alla sua efficacia come strumento di controllo del fornitore nella lotta allillegalità

C’è ancora molto da fare, ma sicuramente le misure introdotte dalla legge contro il caporalato aiuteranno lo Stato nella difesa dei lavoratori italiani e stranieri sfruttati da imprenditori e caporali privi di scrupoli che lucrano sulla povertà e sul bisogno di lavoro.