Crisi di Apple e cybersicurezza: due parallele che si incontrano?
novembre 29, 2018
“L’euro aveva una governance imperfetta dalla nascita. Serve una federazione europea leggera”. L’intervista ad Emma Bonino
novembre 30, 2018
Mostra tutto

Italia capofila nella medicina personalizzata

L’Italia è sempre stata maglia nera in Europa per l’utilizzo dei fondi comunitari, nonostante sia ai primi posti per i finanziamenti ricevuti: ha sfruttato meno della metà (45,68%) dei 21 miliardi messi a disposizione.

di Ernesto Bonetti

Big data, sistemi integrati in sanità, innovazione, policy maker, aspetti socio-economici e industria della salute. Sono questi gli elementi su cui si focalizzerà il maxi-progetto da 1,7 milioni di euro dal titolo “Regions4PerMed: Interregional coordination for a fast and deep uptake of personalised health” presentato ieri nell’ambito del 2° Congresso Internazionale sulla medicina personalizzata (EAPM) e che ha come obiettivo quello di implementare nuovi programmi nell’ambito di un approccio “customizzato”, un filone a cui guarda il mondo della sanità per il prossimo futuro e in cui l’industria farmaceutica sta dirottando sempre più i propri investimenti in ricerca. La buona notizia è che a coordinare i lavori sarà il nostro Paese, e in particolare la Fondazione Toscana Life Sciences, ente no-profit che dal 2005 supporta le attività di ricerca nel campo delle scienze della vita. In partnership con Polonia, Germania e Spagna e per un totale di 6 realtà di eccellenza coinvolte (tra fondazioni e centri ricerche), il progetto prevede un percorso quadriennale con l’obiettivo di coinvolgere fino a 180 diverse regioni e oltre 1.000 stakeholder. Altra eccellenza tutta italiana coinvolta è la Fondazione Regionale per la Ricerca Biomedica della Regione Lombardia che svilupperà insieme ai partner “strategie sulla gestione dei big data e degli electronic medical records” come affermato da Maurizio Bersani, Direttore Struttura Progettazione e Sviluppo Piani della Direzione Sanità di Regione Lombardia, in sede di conferenza stampa.

L’Italia è sempre stata maglia nera in Europa per l’utilizzo dei fondi comunitari, nonostante sia ai primi posti per i finanziamenti ricevuti. Nel settennato 2014-2020 sono 43 i miliardi stanziati e solo circa il 3% del totale sono al momento stati spesi. Mentre secondo il rapporto riassuntivo redatto dalla Commissione Europea sui fondi elargiti durante la precedente tornata (2007-2013) l’Italia ha sfruttato meno della metà (45,68%) dei 21 miliardi messi a disposizione.

Regions4PerMed lascia ben sperare, anche perché tocca un elemento (quello appunto della medicina personalizzata) che oltre a rappresentare l’ambito di attività delle nuove terapie, si configura come un nuovo approccio non solo alla cura ma anche e soprattutto in termini predittivi e preventivi rispetto alle patologie. Inoltre è un ambito che sta canalizzando fondi e sforzi nell’ambito della ricerca e sui cui la stessa Ue punta molto: nei bandi Horizon2020 sono ben 170 i progetti dedicati alla medicina personalizzata per i quali sono stati stanziati circa 870 milioni dalla Commissione Europea.

“In futuro la Commissione Europea (Stati membri e regioni) dovrebbe sempre più impegnarsi in investimenti su sistemi di integrazione di dati genomici, clinici e ambientali per permettere alla ricerca scientifica di avanzare – ha dichiarato Paola Ricciardi Castagnoli, immunologa, Direttore Scientifico Fondazione Toscana Life Sciences – Da queste attività nascerà la medicina del futuro dove sarà possibile intervenire molto più precocemente sullo sviluppo delle patologie attraverso l’identificazione di biomarkers prognostici. I pazienti saranno trattati con farmaci più adeguati e scelti su una base precisa di conoscenza del genoma e dell’espressione genica del singolo paziente. Per questo i programmi come l’iniziativa MEGA, dell’alleanza europea per la medicina di precisione, di sequenziare un milione di genomi di pazienti europei e rendere i dati accessibili a tutti, è sicuramente un buon risultato”.