Calenda, un Ministro che guarda all’Europa (e alla crescita)
maggio 12, 2016
16 – 21 maggio: Focus Parlamento
maggio 16, 2016
Mostra tutto

Una settimana di lavori tra Camera, Senato e Governo

La settimana appena conclusa è stata caratterizzata dall’approvazione in via definitiva alla Camera del DdL Unioni civili, nonché dalla nomina di Carlo Calenda a Ministro dello Sviluppo Economico.

L’ex dirigente di Ferrari e Confindustria, già sottosegretario del Mise con deleghe al commercio estero, è subentrato martedì 10 maggio a Federica Guidi a distanza di circa un mese dalle dimissioni di quest’ultima. Il neoministro ha già stabilito alcuni avvicendamenti tra i vertici del Ministero di via Veneto: da lunedì 16 maggio, infatti, il Capo di Gabinetto, Vito Cozzoli, e il Consigliere Diplomatico del ministro, Mario Cospito abbandoneranno i rispettivi incarichi.

Dal lato dei lavori parlamentari, l’Aula di Montecitorio mercoledì 11 maggio ha dato il via libera finale al testo che introduce nell’ordinamento italiano l’istituto delle Unioni civili, in base al quale vengono estesi alle coppie formate da persone dello stesso sesso un nucleo di diritti finora prerogativa del matrimonio. L’iter del provvedimento è stato accompagnato da mesi di polemiche tra laici e cattolici, e non è escluso che nei prossimi mesi si arrivi all’indizione di un referendum abrogativo della norma.

L’Assemblea della Camera ha provveduto inoltre ad approvare il Disegno di Legge in ambito di contenimento del consumo di suolo, che proseguirà ora il proprio cammino al Senato.

Per quanto concerne le Commissioni di Montecitorio, va segnalato da un lato che le Commissioni riunite Trasporti e Attività produttive hanno presentato le proposte di documento finale sui provvedimenti europei in materia di e-commerce, e dall’altro che la Commissione Bilancio ha intrapreso la discussione del Testo Unico riguardante le Società a partecipazione pubblica.

Da ultimo, nelle scorse giornate sono stati avviati i lavori della Commissione di studio su razzismo, xenofobia e fenomeni di intolleranza istituita dalla presidente della Camera Laura Boldrini.

Passando alle attività di Palazzo Madama, martedì 10 maggio l’Assemblea ha approvato il DdL Europea 2015-2016, che è stato già trasmesso alla Camera per l’inizio del relativo iter.

In aggiunta, l’Aula del Senato ha licenziato (confermando la fiducia al Governo) il DL in ambito di funzionalità del sistema scolastico, atteso dalla prossima settimana a Montecitorio per il proseguimento del suo percorso di conversione in Legge.

Sul fronte dei lavori delle Commissioni di Palazzo Madama, è stato avviato in Commissione Finanze l’iter del Decreto Legge in materia di procedure esecutive per gli investitori in banche in liquidazione, mentre la Commissione Giustizia ha conferito al Relatore il mandato a riferire in Assemblea sul testo che introduce il reato di depistaggio nel Codice Penale.

di Andrea Spuntarelli

Andrea Spuntarelli

Andrea Spuntarelli

Andrea Spuntarelli, è nato a Roma nel 1988. Laureato in Scienze Politiche e della Comunicazione (Triennale) e in Scienze di Governo e della Comunicazione Pubblica (Magistrale) presso la Luiss Guido Carli di Roma, dal 2014 lavora in Adl Consulting, dove attualmente ricopre il ruolo di Senior Policy Analyst. Scrive per LabParlamento fin dalla registrazione del sito come testata giornalistica. Dopo essere stato Assistente del Direttore responsabile, è ora Project manager del giornale.
Andrea Spuntarelli