Il Senato si riforma all’ultima curva: il nuovo Regolamento
dicembre 21, 2017
Autonomia. Maroni e Bressa: volontà di arrivare ad accordo
dicembre 21, 2017
Mostra tutto

Energivori: dalle Commissioni ok (con osservazioni) al Decreto Mise

Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo Economico (Photo credits: EuNews)

Sia alla Camera che al Senato parere favorevole sull’attuazione dell’art. 19 della Legge Europea 2017

di Andrea Spuntarelli

Sono arrivati, a distanza di una settimana dalla trasmissione dell’atto in Parlamento, i pareri delle Commissioni competenti sul Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico attuativo delle disposizioni della Legge Europea 2017 sugli energivori.

Durante la giornata di ieri, sia la Commissione Attività produttive della Camera che la Commissione Industria del Senato hanno dato l’ok con osservazioni al DM (a differenza di quanto avviene per le condizioni, le osservazioni non vincolano il Governo a tenerne conto), accogliendo le proposte dei relatori Gianluca Benamati e Salvatore Tomaselli, entrambi esponenti del Partito Democratico.

Nel parere adottato a Montecitorio si dà il via libera al Decreto del Mise, purché il Governo valuti il rafforzamento della verifica del rispetto degli obblighi di diagnosi energetica da parte delle imprese energivore e consideri di ridurre l’ammontare complessivo delle agevolazioni per le aziende esposte alla concorrenza internazionale. Per quanto riguarda il testo approvato a Palazzo Madama, tra le 5 osservazioni figurano gli inviti all’Esecutivo a studiare la possibilità di condizionare gli incentivi alla realizzazione di investimenti in tecnologie per l’autoconsumo da Fer e a riconsiderare il meccanismo di monitoraggio delle nuove norme da parte dell’Aeegsi, alla luce del recente rinvio della riforma delle tariffe elettriche.

A questo punto, la parola fine sulla questione verrà posta dal Ministero dello Sviluppo Economico, che dovrà mettere a punto la versione definitiva del Decreto sugli energivori, prima della pubblicazione dell’atto in Gazzetta Ufficiale.

Andrea Spuntarelli

Andrea Spuntarelli

Andrea Spuntarelli, è nato a Roma nel 1988. Giornalista, laureato in Scienze Politiche e della Comunicazione (Triennale) e in Scienze di Governo e della Comunicazione Pubblica (Magistrale) presso la Luiss Guido Carli di Roma, dal 2014 lavora in Adl Consulting, dove attualmente ricopre il ruolo di Senior Policy Analyst. Scrive per LabParlamento fin dalla registrazione del sito come testata giornalistica. Dopo essere stato Assistente del Direttore responsabile, è ora Project manager del nostro giornale.
Andrea Spuntarelli