Fondazioni politiche presto regolamentate?
giugno 29, 2016
Il venerdì di LabParlamento (27 giugno – 1 luglio)
luglio 1, 2016
Mostra tutto

Coni, ok dal Senato a limite mandati di Presidente e Giunta

Con 143 sì, 25 no e 12 astenuti Palazzo Madama ha approvato il DdL presentato nel 2013 da Raffaele Ranucci (PD). Il testo passa alla Camera

Nella seduta di giovedì 30 giugno, l’Assemblea del Senato ha avviato e concluso con 143 sì, 25 no e 12 astenuti l’esame del Disegno di Legge in materia di rinnovo degli organi del Comitato olimpico nazionale italiano (Coni) presentato nell’aprile 2013 dal senatore Raffaele Ranucci (PD). A favore del provvedimento hanno votato Partito Democratico, Forza Italia, Area Popolare e Conservatori e Riformisti, mentre Movimento 5 Stelle e Sinistra Italiana hanno optato per un voto contrario al testo. La strada dell’astensione è stata invece scelta da Lega Nord e Gal.

Il DdL approvato al termine di un lungo iter da Palazzo Madama, e che nei prossimi giorni sarà trasmesso alla Camera, punta a introdurre dei chiari limiti alla durata dei mandati dei vertici del Coni (mediante una serie di modifiche al D. Lgs. 242/1999), questione che ha condotto in passato a situazioni non ottimali per la credibilità di un organismo pubblico e vincolato a regole internazionali, quale è il Comitato Olimpico. In base all’articolo 1 del testo, gli organi dirigenziali del Coni rimarranno in carica per quattro anni e il Presidente e i componenti della Giunta Nazionale non potranno svolgere più di tre mandati. In base alla versione del DdL Ranucci votata dalla Commissione Cultura del Senato, questo limite avrebbe dovuto essere pari a otto anni (due mandati), ma un emendamento della relatrice ed ex atleta Josefa Idem (PD), approvato in Aula, ha portato a un cambiamento considerato da M5S e SI un ostacolo al ricambio delle cariche in seno al Comitato Olimpico.

Il provvedimento, inoltre, delega al Coni il compito di stabilire criteri utili a contenere il ricorso alle deleghe in occasione delle votazioni nell’Assemblea del Comitato Olimpico e prevede che le Federazioni sportive nazionali debbano adeguare entro quattro mesi i propri Statuti alle nuove misure in materia di durata degli organi direttivi, pena la nomina di un commissario. Nel Disegno di Legge è a ogni modo prevista una disciplina transitoria, nella quale viene specificato che i vertici di Coni e Federazioni in carica all’entrata in vigore delle nuove disposizioni potranno svolgere, se eletti, due ulteriori mandati.

di Andrea Spuntarelli

Andrea Spuntarelli

Andrea Spuntarelli

Andrea Spuntarelli, è nato a Roma nel 1988. Giornalista, laureato in Scienze Politiche e della Comunicazione (Triennale) e in Scienze di Governo e della Comunicazione Pubblica (Magistrale) presso la Luiss Guido Carli di Roma, dal 2014 lavora in Adl Consulting, dove attualmente ricopre il ruolo di Senior Policy Analyst. Scrive per LabParlamento fin dalla registrazione del sito come testata giornalistica. Dopo essere stato Assistente del Direttore responsabile, è ora Project manager del nostro giornale.
Andrea Spuntarelli

Latest posts by Andrea Spuntarelli (see all)