LabRoma

Roma 2021 / Meloni in Regione Lazio e Zingaretti in Campidoglio. Boutade o fantapolitica?

A pochi mesi dalle elezioni, alle prese con l’emergenza sanitaria e con un piano vaccinale che non lascia intravvedere, per il momento, la luce in fondo al tunnel, i partiti si affronteranno nei prossimi mesi in importanti sfide elettorali legate alle elezioni amministrative nelle grandi metropoli, Roma in primis. Una partita che, per il momento, pare giocarsi tutta sul vorrei ma non posso, soprattutto nel centrodestra che, come avviene spesso nelle competizioni amministrative dove scarseggia nell’individuare personalità di appeal, attende di conoscere lo sfidante per capire quale asso calare.

Alla sfida per il Campidoglio sono legate le strategie del centrodestra, soprattutto in vista di elezioni politiche e della scelta del candidato alla presidenza della regione Lazio. Stando ai sondaggi il centrodestra è in vantaggio anche se l’elezione del sindaco, si sa, è un voto molto sulla persona e a volte poco di pancia. Per questo sono tutti concordi nel sostenere che una discesa in campo di Giorgia Meloni potrebbe portare ad una vittoria anche al primo turno, nonostante la Giorgia nazionale abbia declinato ufficialmente e più volte di voler concorrere alla poltrona da sindaco, viste le legittime aspirazioni nazionali che hanno portato il suo partito alla soglia del 20% dei consensi nazionali.

Ecco però che, raccogliendo opinioni dei lettori e qualche soffiata dagli addetti ai lavori, un altro scenario, allo stato attuale privo di conferme ufficiali, potrebbe vedere Nicola Zingaretti correre da Sindaco, e contestualmente, Giorgia Meloni fare un pensierino alla Regione Lazio. Si tratta, lo ripetiamo ancora, di una boutade la nostra, dettata più che altro dalla volontà di captare l’opinione dei lettori per suscitare una reazione e capire quali siano i pareri di chi ci legge.

Ipotesi dettata da ciò che leggiamo sui social, da ciò che sentiamo nelle piazze in occasione delle manifestazioni a cui come testata giornalistica prendiamo parte per raccontarvi cosa accade, dalle dichiarazioni dei politici e dai sondaggi. Ma, come noto, se è vero che più di un indizio ci regalano una prova, vox populi ci porta a pensare che in una tornata elettorale più infuocata che mai possano scendere in campo dei veri e propri big della politica e dei partiti.

Nel dettaglio, il quadro che si verrebbe a delineare sarebbe questo: Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, candidata alla guida della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, per evitare che il centrodestra si riappropri del Campidoglio, candidato a Sindaco di Roma. Questa la voce che circola, con un centrosinistra che andrebbe alle elezioni romane forse spaccato, a causa della presenza di Calenda che non intende mollare la sua candidatura, e un centrodestra che, come di consueto, ha già proposto, o forse bruciato, alcuni nomi, tra cui quello di Guido Bertolaso e Andrea Abodi, quest’ultimo proposto proprio dalla Meloni.

Sul fronte MoVimento 5 Stelle la Raggi tiene duro, anche se la sua candidatura non dovrebbe essere sostenuta da tutto il Movimento. Insomma, la situazione, come detto in apertura, è più che mai confusa. Sarà una partita lunga, calda e tortuosa, che in ogni caso ci regalerà colpi di scena e ribaltamenti politici forse senza precedenti.